Dormire in estate, i trucchi per un buon riposo nonostante il caldo

Dormire in estate può diventare difficile a causa del caldo: ecco qualche consiglio per assicurarsi un buon riposo
- - Ultimo aggiornamento
loading

Dormire in estate può risultare più difficoltoso rispetto agli altri periodi dell’anno. L’allungarsi delle ore di luce può ritardare l’orario del riposo notturno. Ma ci sono anche altri fattori che complicano la questione: temperature più alte, la presenza di insetti sgraditi come le zanzare. Il sonno è prezioso, quindi vediamo come porre rimedio.

LEGGI ANCHE : >> Abbronzatura, come migliorarla curando l’alimentazione

Fai attenzione a quel che mangi

Tra i trucchi per dormire in estate c’è sicuramente consumare un pasto leggero a cena. Questo serve a non appesantire lo stomaco e, dunque, aumentare il calore corporeo proprio prima di andare a dormire. Come ricorda il sito Humanitas.it in estate sarebbe meglio fare a meno di cibi grassi, come i formaggi stagionati, gli insaccati e le carni grasse. Privilegiare invece la frutta e la verdura a foglia larga.

Fondamentale mantenersi idratati. Bere tanta acqua serve a reintegrare i liquidi espulsi tramite la sudorazione e abbassa la temperatura corporea. Da evitare invece alcolici, bevande energetiche e caffè nelle ore serali.

Dormire in estate: fai la doccia

Una doccia tiepida o fresca prima di andare a dormire è d’aiuto per abbassare la temperatura corporea, così come l’utilizzo di lenzuola di cotone o lino e di un pigiama, sempre dei medesimi tessuti, dalla vestibilità comoda.

Per dormire in estate è anche necessario mantenere una regolarità nelle ore sonno-veglia, coricandosi e svegliandosi sempre nei medesimi orari. Evitare attività sportive prima di andare a letto, mantenere l’ambiente in cui si dorme buio e silenzioso.

Il condizionatore può aiutare?

E che dire dell’aria condizionata? Si consiglia di impostare il proprio condizionatore in modalità “deumidificatore” oppure utilizzare un ventilatore per raggiungere la temperatura ideale, tra i 20° e i 21°C.

Quando fa molto caldo però può diventare difficile prendere sonno. In questi casi allora si può ricorrere al condizionatore, sapendo però che tenerlo acceso tutta notte può portarci problemi di salute, come tosse, raffreddore e patologie bronchiali.