Vaccini antiCovid, quanto si è protetti dopo la prima dose?

In Italia più di 32 milioni di persone ad oggi hanno ricevuto almeno una dose di vaccino contro il Covid 19: ma quanto sono protette dalla malattia?
-
Vaccini antiCovid, quanto si è protetti dopo la prima dose?

Saranno in molti ad affrontare l’estate con una sola dose di vaccino, quindi senza aver completato il ciclo vaccinale contro il Covid19: sappiamo che una dose assicura, in modo soggettivo a seconda della persona, una certa dose di copertura, ma ci sono degli studi specifici che sono riusciti a quantificarla.

LEGGI ANCHE: — Miocarditi dopo vaccini mRna, cardiologi Usa ‘più benefici che rischi’

I dati arrivano dalla Food and Drug Administration (FDA) statunitense, che ha pubblicato delle percentuali provenienti dai dati in loro possesso, ma anche dalle ricerche del professor Stephen Evans, docente di statistica medica della London School of Hygiene & Tropical Medicine e un tempo nel comitato per la sicurezza dei farmaci dell’EMA: la FDA fornisce infatti i dati provenienti dalle sperimentazioni cliniche, mentre il professor Evans li integra con quelli riscontrati “nel mondo reale”.

LEGGI ANCHE:– 10 cose da sapere tra vaccini e vacanze, una guida per ferie in salute

Secondo la FDA, il vaccino Pfizer/Biontech dopo la prima dose assicura una protezione del 52,4% dopo almeno 11 giorni dall’inoculazione. Secondo Evans, la copertura sale all’80-90% e arriva addirittura al 100% dopo i canonici 21 giorni dalla seconda dose, per quanto riguarda il Covid sintomatico e il pericolo di ospedalizzazione e morte. Sull’efficacia del vaccino Pfizer dopo una sola dose era già stato pubblicato uno studio sull’esperienza in Israele.

Per quanto riguarda il vaccino Moderna, la copertura secondo FDA è del 69,5% tra la prima e la seconda dose, mentre per Evans sale almeno all’80% (per 28 giorni, quindi prima della data del secondo richiamo: dopo quella data non ci sono dati disponibili).

Il vaccino Astrazeneca, secondo un’importante revisione pubblicata a febbraio su Lancet, avrebbe un’efficacia del 76% con una dose singola per almeno 90 giorni: Il prof Evans fissa la percentuale al 70% dopo i 90 giorni. Secondo le sperimentazioni cliniche sul vaccino Johnson&Johnson, che è monodose, la protezione si sviluppa dopo 14 giorni e arriva al 66% dopo 28 giorni.