Shell sotto processo per la responsabilità climatica

Con una sentenza storica la corte olandese impone alla Shell un taglio del 45% delle emissioni entro il 2030
- - Ultimo aggiornamento
Shell sotto processo per la responsabilità climatica

Secondo una storica sentenza del tribunale Rechtspraak dell’Aia mercoledì, la compagnia petrolifera Royal Dutch Shell deve ridurre le proprie emissioni di carbonio del 45% entro la fine del 2030. Viene celebrato in tutto il mondo dai sostenitori del clima che hanno presentato la causa e da milioni di persone che li sostengono.

“Questo è un punto di svolta nella storia. Questo caso è unico perché è la prima volta che un giudice ordina a una grande azienda inquinante di rispettare l’accordo di Parigi sul clima. Questa sentenza potrebbe avere importanti conseguenze anche per altri grandi inquinatori”.

ha affermato Roger Cox, avvocato di Friends of the Earth Netherlands.

L’unione contro la Shell

Friends of the Earth, altre sei organizzazioni e circa 17.000 co-querelanti hanno intentato causa, a seguito delle richieste iniziali fatte nell’aprile 2018 alla compagnia petrolifera di allineare le sue operazioni e politiche con l’accordo sul clima. L’accordo di Parigi sul clima prevede un aumento della temperatura globale non superiore a 1,5ºC. Qesto al fine di limitare l’innalzamento del livello del mare, le tempeste estreme e altre conseguenze dannose per l’ambiente.

Ma i documenti della Royal Dutch Shell citati nella sentenza del tribunale hanno stabilito gli obiettivi di Net Carbon Footprint dell’azienda, ovvero le emissioni totali sia dalla produzione di combustibili fossili sia dalle emissioni degli utenti finali, con una riduzione di appena il 20% entro il 2035 e del 50% nel 2050. Shell ha anche assicurato alle parti interessate che non ci sarebbero state perdite di beni bloccati in un periodo di transizione più lungo, con operazioni continue su tale base.

Sforzi insufficienti

La sentenza Rechtspraak si è fermata prima di constatare che la Royal Dutch Shell ha già violato i suoi obblighi in materia di clima. Ma la corte ha concluso che la violazione era imminente perché, sebbene Royal Dutch Shell stia facendo progressi, le politiche aziendali in realtà non riflettono i cambiamenti necessari per raggiungere realisticamente gli obiettivi di Parigi.

“La politica, le intenzioni politiche e le ambizioni di Royal Dutch Shell per il gruppo Shell sono in gran parte poco concrete, ancora da elaborare e intenzioni non vincolanti a lungo termine (2050)”, ha continuato la corte. Inoltre, tali intenzioni non sono incondizionate, ma – come si può leggere nei disclaimer e nelle note cautelative con la documentazione Shell – dipendono dal ritmo con cui la società globale si muove verso gli obiettivi climatici dell’Accordo di Parigi. Mancano completamente gli obiettivi di riduzione delle emissioni entro il 2030”.

il tribunale detto nella sua sentenza. Ovviamente non sono mancati i festeggiamenti delle varie organizzazioni che si occupano della protezione dell’ambiente.

“Questa è una vittoria storica per il clima e per tutti coloro che sono colpiti dalla crisi climatica. Carbone, petrolio e gas devono rimanere nel sottosuolo. Le persone di tutto il mondo chiedono giustizia climatica. Oggi il giudice ha confermato che abbiamo ragione. Le multinazionali possono essere ritenute responsabili della crisi climatica”.

ha affermato Andy Palmen, direttore ad interim di Greenpeace Paesi Bassi.

LEGGI ANCHE – Le vie di Gates e Greta per salvare il pianeta