SpillOver, il sito che classifica i virus più pericolosi

Ecco la piattaforma che stila una classifica dei patogeni a cui prestare più attenzione
- - Ultimo aggiornamento
SpillOver, il sito che classifica i virus più pericolosi

La pandemia da Covid-19 ha allertato l’umanità intera circa la pericolosità dei virus e ora chi più chi meno guardiamo con sospetto ad alcune specie animali, dal momento che pericolose malattie arrivano all’uomo dopo un salto di specie partito proprio da loro.

E allora quali sono i patogeni più pericolosi, e quali comportamenti noi esseri umani potremmo adottare per difenderci dalle future pandemie? Una risposta a queste domande c’è e proviene da SpillOver, una piattaforma interattiva online che raccoglie e confronta i dati sui virus scoperti in tempi recenti e li mette in ordine di rischio. Ai primi posti, va da sé, ci sono i virus a cui bisogna fare più attenzione, perché sono quelli per i quali è maggiore il rischio di passare dagli animali all’uomo.

SpillOver è stato sviluppato da esperti dell’Università di Davis, in California, coordinati dall’ecologa Zoë Grange e dall’epidemiologa Jonna Mazet. Ricorrendo ai dati di oltre 500.000 campioni prelevati da più di 74.000 animali in diverse parti del mondo, il team ha stabilito il rischio potenziale di spillover di 887 virus animali.

A determinare il potenziale di spillover dei virus è un punteggio cha si fonda su 32 fattori di rischio animale, virale o umano che potrebbero facilitare il passaggio di specie e il contagio dell’uomo. La piattaforma prende in esame virus di 25 diverse famiglie. Gli utenti possono consultare la lista filtrando per tipo di virus, per area geografica o per animali-serbatoi. Agli addetti ai lavori è riservata la possibilità di aggiungere al database informazioni sui virus appena scoperti.

Ma dove si trova l’odioso SARS-CoV-2 in questa classifica? In seconda posizione, tra il virus Lassa (che dà origine a una febbre emorragica) e il virus Ebola. I ricercatori spiegano questo fatto asserendo che il sito valuta il rischio di un altro potenziale spillover futuro, indipendentemente da quanto già avvenuto, e che sul salto di specie del SARS-CoV-2 mancano ancora informazioni chiave.