Uno scudo solare per raffreddare artificialmente la Terra

Un report scientifico afferma la necessità di utilizzo di tecniche di geoingegneria, come uno scudo solare, per raffreddare il nostro pianeta
-
Uno scudo solare per raffreddare artificialmente la Terra

L’anno scorso, il pianeta è stato afflitto da potenti uragani, incendi violenti e temperature che si sono classificate come tra le più calde mai registrate. Aumentando la preoccupazione che siamo già immersi nel cambiamento climatico. Per allontanare il calore, alcuni scienziati hanno proposto di ricoprire la Terra con uno strato di particelle che riflettono la luce del sole chiamate aerosol. Questo scudo solare potrebbe raffreddare il pianeta e farci guadagnare tempo, ma un nuovo studio suggerisce che se i politici spegnessero l’ipotetica nuvola, potrebbero far precipitare il pianeta in una catastrofe ecologica.

Un aerosol come scudo

L’idea di iniettare aerosol nell’atmosfera è venuta alla ribalta per la prima volta nel 2006. Questo quando il chimico atmosferico vincitore del Premio Nobel Paul Crutzen ha sostenuto che gli scienziati dovrebbero esplorare attivamente la possibilità. Ha detto che sarebbe simile a ciò che accade naturalmente a seguito di alcune eruzioni vulcaniche. Ad esempio, l’eruzione del Monte Pinatubo del 1991 nelle Filippine ha raffreddato il pianeta di 0,5 ° C, dopo aver espulso 20 milioni di tonnellate di anidride solforosa nella stratosfera. Il gas ha creato una nuvola di aerosol di solfato che ha riflesso la luce solare nello spazio per 2 anni.

“La geoingegneria solare non è un sostituto della decarbonizzazione”, ha affermato Chris Field, direttore del Woods Institute for the Environment presso la Stanford University e capo del comitato che ha prodotto il rapporto. Riferendosi alla necessità di emettere meno anidride carbonica e altri gas serra in l’atmosfera. Tuttavia, ha detto, la tecnologia per riflettere la luce solare “merita un finanziamento sostanziale e dovrebbe essere ricercata il più rapidamente ed efficacemente possibile”.

Non senza rischi

Il rapporto ha riconosciuto i rischi che hanno reso la geoingegneria una delle questioni più controverse nella politica climatica. Tali rischi includono sconvolgere i modelli meteorologici regionali in modi potenzialmente devastanti, ad esempio modificando il comportamento del monsone in Asia meridionale; allentare la pressione pubblica per ridurre le emissioni di gas serra. E persino creando un “rischio inaccettabile di riscaldamento catastroficamente rapido” se i governi iniziassero a riflettere la luce solare per un periodo di tempo e poi si fermassero.

Ma gli autori sostengono che le emissioni di gas serra non stanno diminuendo abbastanza rapidamente da evitare livelli pericolosi di riscaldamento globale. Il che significa che il mondo deve iniziare a esaminare altre opzioni. Le prove a favore o contro la geoingegneria solare, hanno scoperto, “potrebbero avere un valore profondo” nel guidare le decisioni sull’opportunità di implementarla.

Ciò include prove su ciò che gli autori chiamano rischi sociali. Ad esempio, se la ricerca mostrasse che gli effetti collaterali si concentrassero nelle nazioni più povere, ha detto il dottor Field, potrebbe essere un motivo per non perseguire la tecnologia, anche se ha beneficiato il mondo nel complesso.

LEGGI ANCHE – Il metallo inciso al laser migliora la generazione di energia solare