Colla di cozze per la guarigione dei nervi

Foto
I danni al sistema nervoso sono irreversibili ma una nuova sostanza ricavata dalle cozze può agire da collante per la riparazione dei nervi
-
Colla di cozze per la guarigione dei nervi

Ogni tessuto umano è in grado di rigenerarsi grazie all’azione delle cellule responsabili. Tuttavia le cellule nervose non sono in grado di svolgere questa funzione. I danni al sistema nervoso sono quindi irreversibili. Riparare i nervi danneggiati o recisi potrebbe trasformare la vita di innumerevoli persone con paralisi parziale o completa non curabile. Il sogno finale è che la scienza possa un giorno permettere loro di camminare di nuovo. Nella rivista Acta Biomaterialia, i ricercatori della Corea del Sud riportano i progressi nell’accelerare la rigenerazione dei nervi utilizzando una proteina simile alla colla estratta dalle cozze.

La soluzione nelle proteine delle cozze

Mentre il loro lavoro inizialmente si rivolge alle lesioni dei nervi periferici, come quelle che controllano la sensazione e il movimento di un solo arto, alla fine può aiutare il progresso verso la riparazione di danni più profondi, come la recisione del midollo spinale.

I ricercatori combinano molecole della proteina adesiva delle cozze (MAP) con frammenti proteici di supporto cellulare chiamati peptidi della matrice extracellulare (ECM) e che si trovano naturalmente al di fuori delle cellule. Questi biomateriali funzionali vengono combinati e incorporati in nanofibre allineate utilizzando il polimero poli(acido lattico-co-glicolico). Questo crea una tubazione composita che incoraggia le cellule nervose a rigenerarsi in una direzione selezionata.

Utilizzando una tecnica di elettrofilatura il team ha realizzato condotti di guida nervosa lunghi fino a 15 millimetri e larghi 1,5 millimetri. Questo utilizza un campo elettrico per attirare un fluido di materiale caricato elettricamente attraverso un ugello sottile, prima che si condensi in nanofibre solide.

Test con cellule in coltura hanno dimostrato che i condotti potrebbero stimolare e dirigere la crescita del tessuto nervoso lungo la direzione determinata dalle fibre. Raggiungono questo obiettivo aiutando le cellule precursori coinvolte in una riparazione ad aderire l’una all’altra, a moltiplicarsi e svilupparsi in cellule nervose funzionali con nervi germoglianti.

Una sperimentazione promettente

Per valutare l’efficacia del sistema negli animali vivi, il team ha innestato in ratti con nervi sciatici recisi. Dopo un periodo di recupero di otto settimane, gli animali trattati hanno riacquistato la funzione degli arti colpiti fino a al 95% della normale attività. Gli animali non trattati hanno riacquistato solo il 50% circa della loro normale funzione. Queste statistiche sono state ottenute in un test standardizzato che valuta le capacità sensoriali e motorie dei nervi interessati.

“Il successo di questa ricerca può servire da esempio per altri lavori”,

afferma Hyung Joon Cha, membro del gruppo di ricerca, dell’Università di scienza e tecnologia di Pohang in Corea del Sud.

Cha riferisce che il team spera anche di sviluppare un’altra applicazione della proteina adesiva delle cozze utilizzandola come sigillante biocompatibile e biodegradabile per sostituire le suture attualmente utilizzate nei tentativi di trattare le lesioni dei nervi periferici. Spiega che le suture attualmente utilizzate possono esse stesse causare lesioni ai nervi secondari, che il sigillante a base di proteine ​​delle cozze potrebbe evitare.

“Il nostro obiettivo è costruire una soluzione totale per il trattamento delle lesioni dei nervi periferici. Il tal modo le possibilità di riacquistare la funzione nervosa possano essere sostanzialmente aumentate”,

afferma Cha.

LEGGI ANCHE – Un nuovo tessuto biofabbricato contro i danni osteocondrali

Guarda la photogallery
Illustrazione 3D di cellule neurali
Le proteine delle cozze sono la base per la riparazione delle cellule nervose
Cellule nervose al microscopio
Illustrazione del nervo sciatico