Obi robot, arriva l’automa che imbocca le persone disabili che non possono mangiare da sole

Poter mangiare in modo autonomo, anche se colpiti da patologie invalidanti degli arti superiori, è possibile grazie a Obi robot. Vediamo come funziona
- - Ultimo aggiornamento
Obi robot, arriva l’automa che imbocca le persone disabili che non possono mangiare da sole

Obi robot è un’invenzione innovativa, ideata appositamente per tutte quelle persone che non possono consumare i pasti in modo autonomo, perché colpite da gravi patologie invalidanti che proibiscono l’uso di mani e braccia.

La startup, ideata da Jon Dekar, ha restituito alle persone disabili o con tremori evidenti, l’autonomia di poter mangiare senza che qualcuno debba imboccarle. Il fondatore ha presentato il prototipo dopo circa dieci anni di progettazione.

L’idea è stata ispirata da suo nonno, disabile. Dekar si è sentito per anni frustrato nel vedere un suo caro dover rinunciare a “uno dei grandi piaceri della vita”, nonché un bisogno primario di ogni persona. Proprio partendo dalla sua esperienza, ha deciso di trasformare la sua frustrazione in uno strumento di inclusione sociale.

Obi robot può essere utilizzato da adulti, anziani e bambini, sia in casa sia in strutture ospedaliere.

Obi robot: ecco come funziona l’imboccatore robotico

Obi robot utilizza un sistema autogestibile di imboccamento. Questo vuol dire non solo autonomia per la persona che lo utilizza, ma anche meno ‘impegno’ a carico dell’operatore o del caregiver che dovrebbe occuparsene.

Poter mangiare autonomamente giova inoltre alla psiche della persona disabile, che non solo può consumare un pasto a tavola sentendosi come gli latri commensali, ma può concretamente gestire il ritmo dei bocconi, la quantità di cibo da ingerire in totale sicurezza.

Come funziona? Obi robot è semplice da utilizzare! Si attiva e gestisce tramite comandi emessi direttamente dall’utente con le parti del corpo delle quali ha il controllo: la testa, le gambe, i piedi, le spalle, le ginocchia o la bocca.

Basterà toccare i sensori posizionati sul dispositivo per ordinare al braccio meccanico come muoversi, facendolo allontanare o meno dalla bocca, secondo il ritmo desiderato.

Il ‘piatto’ è suddiviso in diverse vaschette, create appositamente per favorire il prelevamento del cibo e per dividere le pietanze. Adattabile a qualsiasi superficie, Obi robot garantisce un pasto in autonomia: l’utente dovrà solo porgersi leggermente in avanti per avvicinarsi al cucchiaio.