Bonus per veicoli non inquinanti: come funziona e come richiederlo

630 milioni di euro sono stati stanziati dal governo nel 2023 per l'acquisto di veicoli a basse emissioni
- - Ultimo aggiornamento
Bonus per veicoli non inquinanti: come funziona e come richiederlo

Con il nuovo anno sono di nuovo disponibili 630 milioni di euro come bonus per l’acquisto di veicoli non inquinanti di categoria M1 (autoveicoli), L1e-L7e (motocicli e ciclomotori) e N1 e N2 (veicoli commerciali).

Le risorse disponibili, previste sia dal Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri (DPCM) 6 aprile 2022 che dalla Legge di Bilancio 2021, sono ripartite:

LEGGI ANCHE – Auto elettriche autonomia e tempi di ricarica: qualche trucco

per l’acquisto di autoveicoli nuovi di fabbrica di categoria M1:

  • 190 milioni per veicoli di categoria M1 con emissioni comprese nella fascia 0-20  grammi di anidride carbonica per chilometro  (elettrici)*
  • 235 milioni per veicoli di categoria M1 con emissioni comprese nella fascia 21-60 grammi di anidride carbonica per chilometro (ibridi plug – in)*
  • 150 milioni per veicoli di categoria M1 con emissioni comprese nella fascia 61-135 grammi di anidride carbonica per chilometro (a basse emissioni)

*Il 5% di questi importi sono riservati agli acquisti fatti da persone giuridiche per attività di car sharing commerciale o noleggio.

per motocicli e ciclomotori di categoria da L1e a L7e:

  • 5 milioni per i veicoli non elettrici
  • 35 milioni per i veicoli elettrici

per i veicoli commerciali di categoria N1 e N2 elettrici:

  • 15 milioni

I concessionari potranno inserire le prenotazioni sulla piattaforma ecobonus.mise.gov.it solo a partire dalle ore 10 di lunedì 10 gennaio.

Per maggiori informazioni è possibile consultare la circolare del 30 dicembre 2022 con tutte le indicazioni operative per chiedere il contributo nella sezione normativa del sito ecobonus.

Ufficio stampa MISE