Dalla retina si può prevedere l’Alzheimer con ampio anticipo, l’ultimo studio

L’Università di Otaga firma una ricerca che evidenzia come lo stato di salute della retina a 45 anni permetta di prevedere l’eventuale insorgenza dell’Alzheimer.
- - Ultimo aggiornamento
loading

La rivista specialistica Jama Ophtalmology ha riportato gli esiti di uno studio che mette in relazione la salute dell’occhio con il cervello. In particolare, la ricerca sostiene che già a 45 anni è possibile prevedere se un soggetto svilupperà o meno l’Alzheimer. La retina, infatti, sarebbe in grado di ‘predire’ la condizione di demenza senile a partire dalla mezza età.

LEGGI ANCHE : – L’ALZHEIMER È COLLEGATO CON IL MESTIERE SVOLTO DA GIOVANI

A firmare lo studio è un team di esperti dell’Università di Otaga che fa affidamento sull’intelligenza artificiale per la prevenzione. Come riporta ANSA, secondo l’autrice dell’indagine Ashleigh Barrett-Young la prospettiva è quella di anticipare di anni i primi sintomi. La tecnologia, infatti, permetterà di interpretare l’immagine della retina e determinare se il soggetto è a rischio Alzheimer. E questo diverse decadi prima che si avverta la sintomatologia connessa.

L’anticipo, ovviamente, diventa uno strumento fondamentale per la cura della malattia e per rallentare lo sviluppo della stessa. Il gruppo di pazienti su cui è stato condotto lo studio (865 persone di 45 anni) è stato sottoposto a una serie di indagini oculistiche.

LEGGI ANCHE : – ICTUS, PRIMO SEGNALE 10 ANNI PRIMA

In particolare, sono state indagate le caratteristiche della retina in corrispondenza con le terminazioni del nervo ottico. Una retina sana dimostra una performance cognitiva migliore mentre l’assottigliamento della zona è connessa, già a 45 anni, a capacità inferiori. Queste prime evidenze saranno ulteriormente approfondite ma, grazie allo sviluppo tecnologico, sembrano già promettere nuovi e incoraggianti scenari.

Foto Shutterstock