San Valentino, il sondaggio: crescono gli incontri online, l’amore è sempre più difficile

La pandemia ha cambiato l'approccio verso le relazioni? A quanto pare, si
- - Ultimo aggiornamento
San Valentino, il sondaggio: crescono gli incontri online, l’amore è sempre più difficile

San Valentino, un sondaggio: come avete vissuto l’amore in pandemia?

In occasione di San Valentino Yooppe, applicazione di dating online con migliaia di iscritti, ha chiesto ai suoi utenti come abbiano vissuto l’amore ai tempi della pandemia. Il 35% degli intervistati ha dichiarato che ha preferito rimanere da solo. Per il 27% le restrizioni, i lockdown e lo stress hanno invece messo a dura prova la relazione con il partner e portato alla rottura. Ma un altro dato particolarmente rilevante del sondaggio è che per un utente su tre la pandemia è stata l’occasione per conoscere nuove persone online, soprattutto attraverso un’app di dating. 

LEGGI ANCHE >> Stelle cadenti on demand: la start up che consegna desideri

Con l’obbligo di stare tra le pareti di casa, “l’evasione” non poteva che essere virtuale. Il 68% degli utenti intervistati ha detto di aver usato un’app di dating online durante la pandemia e la maggioranza continuerà ad usarla anche in futuro. Un intervistato su due ha dichiarato di utilizzare l’app di dating più volte durante la settimana, mentre il 24% diverse ore al giorno. 

Dopo l’evasione virtuale, però, gli utenti cercano la realtà. Nel sondaggio, tra le motivazioni che spingono le persone ad utilizzare un sito di incontri online, spicca l’interesse a conoscere qualcuno da incontrare poi di persona (32%) e il desiderio di una nuova relazione (20%). C’è poi chi vorrebbe provare ‘qualcosa di nuovo’ (24%) e chi punta all’attrazione fisica (19%). 

LEGGI ANCHE >> Pane e Covid19, il collegamento scoperto dagli studi

Il dating online sembra essere l’occasione giusta per flirtare con qualcuno che non si conosce (48%). Maaltri aspetti che intrigano gli utenti sono la possibilità di fare il primo passo e rompere il ghiaccio (35%) senza l’insicurezza che si presenterebbe nella vita reale, e l’opportunità di chattare con più persone contemporaneamente (13%).