La metro di Honolulu parla italiano grazie ad un sotfware innovativo

Un'azienda salernitana ha installato un software di gestione e controllo della nuova metropolitana di Honolulu
-
La metro di Honolulu parla italiano grazie ad un sotfware innovativo

Prossima fermata: le isole Hawaii. Honolulu è solo l’ultima, in ordine cronologico, delle tante tappe del software per il monitoraggio dei KPI (Indicatore chiave di prestazione) creato da Mate Consulting.

A partire da inizio anno, infatti, l’azienda di Salerno ha provveduto ad installare il proprio software all’interno di un più ampio sistema di gestione e controllo della nuova metropolitana, attualmente in costruzione, nella capitale delle Hawaii.
Un supporto agli operatori della sala di controllo per il monitoraggio delle performance delle linee
dell’underground
di uno dei luoghi più iconici del pianeta, dopo esser già stato installato in altre
città nel mondo negli scorsi anni.

Dalla metro del campus della Princess Noura University di Riyadh fino alla linea C della metropolitana di Roma. Progetti analoghi a Lima e Callao in Perù.
Il software computa, in funzione dei requisiti di progetto, specifici indicatori di performance utili a
provare che il sistema sta operando nel rispetto dei parametri contrattuali.
La puntualità dei treni,
l’aderenza all’orario di esercizio, il rispetto della velocità commerciale, il confort delle carrozze e
così via, sono alcuni esempi dei parametri prestazionali misurati. Il software è destinato alle
società che effettuano i servizi di gestione e manutenzione delle metro ed ha come obiettivo
quello di facilitare l’emissione della reportistica giornaliera inerente al rispetto dei target
contrattuali.
«Siamo davvero orgogliosi, grazie alla collaborazione con Hitachi Rail Honolulu JV, di dare il nostro
contributo alla realizzazione della metropolitana di Honolulu – ha commentato Federico Gilblas,
co-founder di Mate Consulting
– Le Hawaii sono solo una tappa del nostro viaggio. Nel corso degli
ultimi anni, infatti, questo stesso software è stato già installato nelle sale di controllo di diverse
metro nel mondo».