La Svizzera bandirà le stoviglie in bambù

L'Ufficio federale per la sicurezza alimentare ha dichiarato le stoviglie di bambù non commerciabili esono stati ritirati da diversi paesi.
-
La Svizzera bandirà le stoviglie in bambù

Immessi nel mercato qualche anno fa, i piatti e gli altri contenitori riutilizzabili commercializzati con il nome di “bambù” sono “biodegradabili” o talvolta “naturali al 100%”, a seconda della loro confezione. Ma in realtà sono fatti di plastica. Non è bambù al 100%”, come dice Didier Ortelli, vice chimico cantonale a Ginevra, nel programma A bon heareur. In questi prodotti vi è infatti una grande quantità di resina, composta da melamina e formaldeide. Queste sostanze possono risultare tossiche oltre certe soglie di quantità.

Il passaggio di sostanze tossiche dal bambù al cibo

Negli ultimi anni, il sistema europeo ha registrato numerose segnalazioni relative all’eccessiva migrazione di melamina e formaldeide negli alimenti dai prodotti in bambù.

Un gruppo di esperti ha esaminato i prodotti concludendo che l’uso del bambù come ingrediente nella produzione di materie plastiche a contatto con gli alimenti non è conforme. Austria, Finlandia, Danimarca, Paesi Bassi, Belgio e Lussemburgo hanno già ritirato questi prodotti dal commercio.

In Svizzera vengono fissati dei limiti per la migrazione al cibo intorno a  2,5 mg / kg per la melammina e 15 mg / kg per la formaldeide. Negli ultimi anni le autorità cantonali hanno effettuato diversi controlli e hanno riscontrato superamenti. Martedì il cantone di Ginevra ha pubblicato i suoi risultati più recenti: quattro prodotti testati su dieci rilasciano una quantità eccessiva di queste due sostanze.

Il problema del calore

“La temperatura è un fattore aggravante. Questi oggetti non sono fatti per essere riscaldati perché il calore favorirà la migrazione di melamina e formaldeide nel cibo. Abbiamo anche scoperto che, rispetto agli oggetti che sono al 100% di plastica, la presenza della fibra di bambù sembra favorire la migrazione”.

osserva Didier Ortelli. Gli articoli non conformi sono stati ritirati dal mercato.

“Siamo ora al punto di conclusione che in Svizzera le materie plastiche contenenti bambù che vengono a contatto con gli alimenti non sono commerciabili / conformi “

Dice l’Ufficio federale per la sicurezza alimentare e gli affari veterinari. Quando si utilizzano stoviglie in fibra di bambù, è necessario osservare rigorosamente le condizioni di utilizzo fornite dai produttori. “Il riscaldamento, l’uso del microonde o il contatto prolungato con gli alimenti non sono raccomandati in quanto ciò favorisce la migrazione di contaminanti negli alimenti”, avverte il Dipartimento dei consumatori e degli affari veterinari del Cantone di Ginevra.

Si sconsiglia inoltre di utilizzare oggetti fatti di fibre di bambù con cibi oltre i 70 gradi, come il tè caldo.

LEGGI ANCHE – Le stoviglie monouso più green delle riutilizzabili