Dopo la carriera da pilota, la svolta green di Nico Rosberg

L'ex pilota Nico Rosberg è ora ambassador di e-Omnia, la nuova piattaforma Bianchi di e-bike, consacrando la sua vita alle tecnologie green.
-
Dopo la carriera da pilota, la svolta green di Nico Rosberg

La tecnologia green si è guadagnata un nuovo prestigioso supporter. Nico Rosberg, dopo ilsuo glorioso passato nella Formula Uno battendo Lewis Hamilton nel 2014, ha nuovi obbiettivi. La Formula Uno ormai è il passato per lui e può sfruttare il suo prestigio per supportare progetti green a difesa dell’ambiente. Infatti ora Nico Rosberg è diventato imprenditore in questo campo e sponsor di e-Omnia, una nuova piattaforma per e-bike.

L’ex campione ha così coniugato le sue preoccupazioni per l’ambiente e la passione per la bici, coperta una volta abbandonato il mondo della Formula Uno.

“La sensazione è bellissima. Salgo in bici e penso alle volte in cui quello stesso asfalto l’ho percorso a 300 orari. È molto bello poterlo fare, ora, in grande tranquillità, guardare il paesaggio, respirare a pieni polmoni, senza fare fatica. Bianchi, con le sue e-bike, copre uno spettro amplissimo, dalle bici più performanti a quelle adatte a un piccolo giro in città, per fare la spesa. La bici elettrica è il modo più pratico e divertente per andare dal punto A al punto B. E ha prospettive enormi anche dal punto di vista del turismo. È un nuovo modo di viaggiare e di fare movimento. E il ciclismo mi è sempre piaciuto. Mi piacerebbe vedere in futuro anche gare tra e-bike

Ha detto Rosberg a La Repubblica

Una nuova passione green per Rosberg

Ora che la sua carriera nella Formula Uno è finitala vita di Rosberg è cambiata radicalmente. Ora ha due figli e la vita famigliare porta a ridimensionare il proprio modo di vedere il mondo. Viviamo in un’epoca estremamente difficile a livello ambientale e il mondo che stiamo lasciando alle future generazioni sembra sempre più tetro.

In questa situazione, con una famiglia a carico, Rosberg ha iniziato ad interrogarsi su cosa potesse fare per il bene del pianeta. La notorietà conquistata con la sua carriera è il trampolino di lancio perfetto per intraprendere una campagna di sensibilizzazione dell’opinione pubblica.

Rosberg ha inoltre espresso molte parole di elogio per la giovane attivista svedese Greta Thumberg

“Mi piace moltissimo. La seguo su Instagram, è un personaggio dal grandissimo impatto. Ha passione e autenticità, è immediata ed è fonte di ispirazione per la sua generazione.”

Rosberg apprezza in particolare il forte messaggio che la giovane attivista vuole lanciare contro le grandi imprese. La cessazione totale del consumismo da parte di questa generazione se le cose non cambieranno nella loro gestione del rispetto ambientale. Le parole dell’ex campione trasudano di ammirazione e speranza per i giovani di oggi, che avranno una coscienza sociale migliore delle generazione passate.

Il futuro della tecnologia green

L’ottimismo di Rosberg riflette il suo fondamentale impegno per queste battaglie. Egli è infatti fra i creatori del Green Tech di Berlino e possiede un’intera scuderia nel campionato Extreme E, una competizione tra auto 4×4 a propulsione elettrica. L’aspetto sportivo è secondario rispetto all’obbiettivo green della competzione. Lo scopo è infatti mettere in evidenza l’impatto di tecnologie basate su generatori di idrogeno ed energia solare nell’ambito della motorizzazione.

Rosberg ha inoltre fondato una startup su monopattini elettrici, Tier, fondata in Germania e e ora leader delle tecnologie green in Europa. La rivoluzione secondo l’ex campione investirà anche la Formula Uno:

“La Formula Uno si è svegliata lo scorso anno con Black Lives Matter e ha contribuito a svegliare le coscienze sul tema del razzismo. Spero che ora facciano di più per la salute del nostro pianeta. Il traguardo potrebbe essere quello dell’uso di un carburante bio. Benzina sintetica senza CO2

La ricerca tuttavia è necessaria per trovare nuove soluzioni economiche, i costi in molti ambiti sono ancora proibitivi. Un altro grande nome interessato ai problemi ambientali è Elon Musk che ha messo il palio 100 milioni di dollari a chiunque proponga una via efficace per abbattere questi costi.

LEGGI ANCHE – Milano, è gara tra i comuni green