Il Colosseo di Milano rivive in chiave green

Anche Milano aveva il suo Colosseo, che è pronto per una nuova vita, un progetto di land in simbiosi fra storia e natura
- - Ultimo aggiornamento
Il Colosseo di Milano rivive in chiave green

Forse non tutti lo sanno ma anche Milano aveva il suo Colosseo, e sta per rivivere in chiave green. È il fulcro del progetto ‘Pan-Parco Amphitheatrum Naturae’, il vasto parco archeologico nel cuore della città.

Leggi anche: – L’EMOZIONANTE DISCORSO DI MARIO DRAGHI AL SENATO: PARLA DI AMBIENTE E CITA PAPA FRANCESCO

Nei pressi dell’antica Porta Ticinese, infatti, accanto a quella che oggi è via Arena, sorgeva il grande anfiteatro, uno dei più grandi del Nord Italia (quasi 40 metri d’altezza e una dimensione complessiva di 155×125 metri), costruito intorno al I secolo dopo Cristo. Demolito in parte nel V secolo e distrutto in seguito dalle invasioni barbariche, con i materiali della demolizione fu costruita la Basilica di San Lorenzo e vennero rinforzate le mura della città. Alcuni resti del Colosseo milanese furono scoperti per caso nel 1931, in via Conca del Naviglio, durante i lavori sulle tubazioni dell’acqua. Oggi è possibile ammirare in loco alcuni tratti delle fondazioni dei muri radiali delle gradonate, in quello che dal 2004 è il Parco archeologico dell’Anfiteatro.

Così come gli altri edifici analoghi presenti nelle varie città romane, anche l’anfiteatro di Milano ospitava combattimenti di gladiatorispettacoli di venationes (basati su caccia e uccisione di animali selvatici) e naumachie, ovvero battaglie navali.

Ora l’area archeologica in questione verrà recuperata attraverso la costruzione di un parco ellittico di più di 22mila metri quadrati che riprodurrà la pianta dell’antico anfiteatro ma utilizzando gli alberi. Un anfiteatro vegetale che, vicino alle colonne di San Lorenzo, darà al passato del capoluogo lombardo un’interpretazione green.

Il progetto dell’Amphitheatrum Naturae è  voluto dalla Soprintendenza Archeologica delle Belle Arti e del Paesaggio. “Sarà un progetto di land art che rilancerà l’intera zona”, fa sapere la soprintendente Antonella Ranaldi, “una simbiosi tra natura e storia che offrirà a cittadini e turisti una passeggiata che si estenderà su 100mila metri quadrati alla scoperta della Milano romana: dall’anfiteatro, alle Colonne, alla Basilica di San Lorenzo e a Sant’Eustorgio”.

Facebook Comments