E-learning, lo strumento più democratico contro la crisi

start2impact, startup innovativa a vocazione sociale, ci accompagna in un viaggio nel mondo dell'e-learning e delle sue possibilità per il mondo del lavoro
- - Ultimo aggiornamento
E-learning, lo strumento più democratico contro la crisi

In questi tempi di chiusura della scuole a tempo ancora indeterminato si sente sempre più spesso parlare di e-learning, formazione a distanza: tra luci ed ombre l’unico sistema per evitare che i ragazzi perdano l’anno o che debbano rimandare le sessioni di laurea.

Ma fuori dalla stringente attualità, era già chiaro a molti che il mondo del lavoro e la formazione accademica non sempre camminano di pari passo: a volte le reali richieste e necessità del mondo del lavoro -ad esempio figure specializzate e formate su aree inerenti il settore ICT- non vengono soddisfatte dai corsi di laurea tradizionali.

E-learning, soluzione alla crisi delle professioni

Oggi i giovani, nel momento in cui si confrontano con la propria famiglia o con professionisti più grandi di loro che dovrebbero consigliarli, si trovano di fronte a delle generazioni che non sempre hanno del tutto recepito l’importanza che sta assumendo, e che sempre più assumerà, il settore dell’innovazione” – spiega Virginia Tosti co-Founder di start2impact, una startup innovativa a vocazione sociale che fornisce, attraverso un’unica piattaforma web, formazione teorica, pratica e offerte di lavoro per fare carriera nell’innovazione.

Le professioni di un tempo, basti pensare ai cosiddetti liberi professionisti iscritti agli Albi professionali, sono ormai in forte crisi da tempo e l’università con il suo spiccato focus teorico ormai non può bastare per formare dei professionisti competitivi per quella che è attualmente la domanda del mondo del lavoro.”

Tale crisi delle professioni è sempre più avvertita dai giovani, percezione che emerge anche da alcuni studi portati avanti da start2impact che evidenzia come su un campione di circa 300 persone, il 47% cerca “formazione online per capire davvero cosa gli piace fare” ed il 22% cerca “formazione pratica online per entrare nel mondo del lavoro”.

Le opportunità del digital e il supporto dell’e-learning

In un’epoca in cui la disoccupazione giovanile in Italia si attesta attualmente intorno al 29%, dato in costante aumento, appare chiaro come sia necessario percorrere strade nuove, rispondere puntualmente agli stimoli del mercato del lavoro e farsi trovare pronti di fronte le sue esigenze occupazionali.

Stando anche al recente report ad opera dell’Osservatorio delle competenze digitali di Assinform, le figure del settore digital e ICT saranno sempre più caratterizzate da un giusto mix di competenze fortemente verticali e soft skill. “Professionalmente parlando, nei prossimi anni vincerà chi sarà in grado di restare in equilibrio durante le turbolenze” – spiega Virginia Tosti – “Gli esperti prevedono che in futuro il grande problema del mercato del lavoro non sarà tanto la mancanza di posti di lavoro, ma piuttosto l’incapacità delle persone di reinventarsi, di non essere flessibili ai rapidi cambiamenti in atto.”

Lavorare su sè stessi, la sfida del mindset

In questo scenario non è un caso che, ad esempio, il corso in e-learning più frequentato in assoluto sulla piattaforma di start2impact sia quello riguardante il mindset. L’analisi, effettuata su un campione di 3000 persone ha illustrato come il 46% degli iscritti al corso siano ragazzi tra i 21 e i 25 anni, seguono i giovani tra i 26 e i 30 anni con il 24,27%, gli under 20 si attestano invece sul 20% e infine gli over 30 sono l’8%.

Un dato interessante che fa comprendere come i primi ad accorgersi di questa necessità di lavorare sulle soft skill siano proprio i più giovani. Formarsi quindi non sono a livello di competenze tecniche, quanto lavorare su se stessi al fine di affinare il proprio mindset ovvero la capacità di impegnarsi in ciò che si fa e perseverare nonostante le sconfitte che si possono trovare lungo il cammino verso gli obiettivi prefissati.

I temi di cui parliamo sono diversi e molteplici fra cui ad esempio affidabilità, motivazione e automotivazione, resilienza, disciplina, sabotatori interni ed esterni” – prosegue Gherardo Liguori – “Quello che cerchiamo di spiegare ai ragazzi è che il talento senza impegno e dedizione serve a poco, soprattutto in un momento storico quale quello attuale in cui il mercato del lavoro non consente spesso di mettersi alla prova e dimostrare del tutto quel che si vale. La competizione poi oggigiorno è altissima, senza il giusto approccio mentale è difficile costruirsi una solida carriera, che sia nell’innovazione e nel digital, come in altri settori.”

Il successo dell’e-learning oggi

L’e-learning sta riscoprendo un rinnovato interesse da parte dell’opinione pubblica e si sta inserendo all’interno di un dibattito più ampio che riguarda la necessità di digitalizzare sempre più il comparto dell’educazione e della formazione in Italia.

È indubbio che oggi come non mai l’e-learning rappresenti una delle chiavi fondamentali per prepararsi al meglio all’entrata nel mercato del lavoro e allo stesso tempo per migliorarsi come professionisti già attivi al suo interno.

Tra i vantaggi della formazione online emerge subito il fatto che non subisce le discriminazioni territoriali, di cui invece spesso è caratterizzato il mercato del lavoro. La formazione online infatti non è elitaria, e in tante zone esterne alle grandi città e al sud sono tantissime le persone che si formano.

“L’e-learning è oggi un valido strumento per chiunque voglia formarsi e migliorarsi come futuro professionista, senza doversi spostare dalla propria città d’origine” – spiega Virginia Tosti – “In start2impact abbiamo ad esempio ragazzi a Merano in Trentino Alto-Adige come a Portopalo di Capo Passero in provincia di Siracusa, solo per citare i due punti più estremi del nostro Paese dove sono presenti membri della nostra community. Non mancano poi le isole con ragazzi a Portoferraio sull’Isola d’Elba o a Ischia e Procida.”

Anche per quanto riguarda le donne, che ancora oggi faticano a trovare spazio nel settore dell’innovazione, il dato che stupisce maggiormente, sul campione analizzato da start2impact, è vedere che in Sardegna (28%) e nel Lazio (24%) ci sono più donne interessate all’innovazione rispetto alla Lombardia (19%).

L’esperienza positiva di start2impact dimostra come una formazione online capace di bilanciare teoria esternalizzata, sfruttando i migliori corsi online gratuiti già a disposizione in rete con la pratica, quest’ultima basata su decine di progetti seguiti da professionisti del settore con feedback personalizzati entro 7 giorni, possa essere una valida risposta su come formare professionisti consapevoli e in linea con le richieste del mercato.

 

Facebook Comments