DTC, un nuovo bando della Regione Lazio per i beni e le attività culturali

DTC è la nuova call di Lazio Innova per la ricerca e lo sviluppo di tecnologie per la valorizzazione del patrimonio culturale. Le candidature possono essere presentate a partire dal 21 marzo, fino al 31 maggio 2018
- - Ultimo aggiornamento
DTC, un nuovo bando della Regione Lazio per i beni e le attività culturali

DTC, ossia Distretto Tecnologico per le Nuove Tecnologie applicate ai Beni e alle attività Culturali.  Un nuovo avviso pubblico per migliorare l’attrattività del patrimonio culturale della Regione Lazio. Lo scopo è finanziare la diffusione di tecnologie innovative per la valorizzazione, la conservazione, il recupero, la fruizione del patrimonio culturale del territorio.

La call di Lazio Innova prevede una dotazione finanziaria di 23,2 milioni di euro, con una procedura articolata in due fasi:

  • ricerca e progettazione, per potenziare le reti e le collaborazioni tra imprese della filiera culturale e organismi di ricerca. In questa prima fase, la Regione Lazio stanzia 3,2 milioni di euro, per finanziare la progettazione necessaria allo sviluppo delle soluzioni tecnologiche. L’importo massimo previsto è di 150.000 euro a proposta.
  • sviluppo e realizzazione del piano degli investimenti, ponendo in essere la soluzione tecnologica prevista nel progetto, con un finanziamento massimo di 1,5 milioni a proposta.

Possono partecipare all’Avviso, in forma singola o aggregata i soggetti pubblici o privati proprietari degli Istituti o Luoghi della Cultura, ubicati nel Lazio. Ciascun Luogo o Istituto potrà partecipare al bando con una sola proposta singola. Tuttavia è prevista la possibilità di una seconda partecipazione, purché all’interno di una progettazione “di rete” con altri attori o soggetti.

Soltanto i proponenti che avranno concluso con una progettazione completa la prima fase, potranno accedere alla seconda.

Leggi anche: Fondo Rotativo botteghe storiche: dalla Regione Lazio 2 milioni di euro in arrivo

Il bando DTC finanzierà a titolo esemplificativo:

  • le nuove tecnologie e le infrastrutture per valorizzare e far evolvere l’economia legata Patrimonio Culturale;
  • i sistemi di monitoraggio e gestione dei rischi legati alla sicurezza e conservazione dei Beni Culturali;
  • le nuove forme di spettacolarizzazione dei Beni Culturali e nuove modalità di fruizione che avvicinino un pubblico più vasto ai temi della Cultura;
  • lo sviluppo e la promozione di porte di accesso su web ed App su smartphone e tablet per incrementare la domanda del Turismo Culturale;
  • le nuove forme di fruizione culturale, con particolare attenzione alla Digital Art
  • l’attrattività degli istituti e luoghi della cultura attraverso l’utilizzo di opere artistiche contemporanee realizzate mediante nuove tecnologie e nuovi materiali;
  • lo sviluppo di nuovi prodotti, materiali e processi finalizzati alla diagnostica, conservazione e recupero del Bene Culturale.

L’avviso DTC definisce anche gli “ambiti” tecnologici sui quali puntare per aumentare la sostenibilità del patrimonio culturale del Lazio.

Sarà finanziato l’impiego di tecnologie di fruizione (virtual reality, augmented/mixed reality, IoT),  di mobilità (tecnologie di prossimità, bluetooth, beacon, ecc.), per l’accessibilità e la fruizione del patrimonio culturale alle persone con disabilità (rilievo 3D, allestimenti tattili, digital fabrication, ecc.), per la vigilanza e la sicurezza dei beni (aerofotogrammetria, sensoristica distribuita, utilizzo di droni, ecc.), di interazione uomo-macchina (interazione con gestualità, mixed reality), per l’accrescimento della conoscenza (videogaming, storytelling e linguaggi cinematografici, visual mapping 3D, ecc.), per la sostenibilità energetica.

La presentazione delle domande (per la prima fase) è a partire dalle ore 12:00 del 21 marzo 2018 e fino alle ore 12:00 del 31 maggio 2018. Le domande dovranno essere presentate esclusivamente via pecNella pagina dedicata di Lazio Innova tutte le informazioni di dettaglio.

 

Turismo e cultura