Detox and Co.: dobbiamo fidarci delle etichette? Ecco cosa dice uno studio

Attenzione ai claim e alle pubblicità: non sempre quanto dichiarato in etichetta corrisponde agli effetti dei prodotti alimentari.
- - Ultimo aggiornamento
loading

Con l’estate aumentano gli spot di alimenti e bevande che promettono di snellire, disintossicare, reintegrare e chi più ne ha più ne metta. Come in ogni circostanza è bene stare attenti perché non è tutto oro quel che luccica e quando si tratta di alimentazione l’attenzione non è mai troppa. Non sempre, infatti, le pubblicità rispettano le norme che riguardano l’impatto sulla salute degli alimenti. E se è vero che nessuno si aspetta miracoli, d’altra parte è lecito aspettarsi almeno quanto indicato in etichetta.

LEGGI ANCHE: INTEGRATORI, QUESTI SONO QUELLI VERAMENTE EFFICACI

Un’indagine condotta in Francia, in particolare, ha messo in luce un dato preoccupante che riguarda la produzione alimentare (fonte ilsalvagente.it). Ovvero, sono state rilevate anomalie pari al 44% in oltre trecento stabilimenti. E i numeri sono ancora più elevati se dal fisico si passa al mondo online: in rete, infatti, si evidenzia il 69% di anomalie.

Tra le anomalie più fuorvianti, per esempio, ci sono le indicazioni terapeutiche di molti prodotti alimentari. Attenzione, dunque, a diciture quali “da usare in caso di raffreddore”. Non fidatevi troppo neppure di indicazioni generiche come “superfrutta” o “detox”: nella maggior parte dei casi sono claim arbitrari. In maniera analoga, quindi, sono state segnalate anche non conformità rispetto alle indicazioni autorizzate. In questo caso, il rischio di frode, o anche solo di illusione, è dietro l’angolo.

LEGGI ANCHE: L’EFFETTO COLLATERALE ANCORA SCONOSCIUTO DEGLI OMEGA 3

Articolo di Paola M. Farina

Foto Shutterstock