Conoscete il grifone? In Italia rischia di sparire

Sono diverse le specie selvatiche a rischio estinzione in Italia: il grifone è una di queste
- - Ultimo aggiornamento
Conoscete il grifone? In Italia rischia di sparire

Nella giornata mondiale dedicata alla fauna selvatica, Legambiente ha pubblicato un report dedicato alle 12 specie selvatiche che sono a rischio estinzione nel nostro paese.

LEGGI ANCHE: — LA STORIA DELLE TARTARUGHE INNAMORATE, SALVATE E LIBERATE INSIEME

Si tratta del grifone, la trota mediterranea, il tritone crestato italiano, la lontra, l’orso bruno marsicano, il lupo e il camoscio appenninico, le farfalle e gli impollinatori, per poi passare alla fauna del Mediterraneo prestando attenzione a squali, delfini e alla tartaruga Caretta caretta.

Il report contiene anche delle proposte pratiche per arrivare al 2030, anno zero per l’ambiente mondiale, cercando di risolvere almeno alcuni di questi problemi.

LEGGI ANCHE: –RUBA CIBO PER I GATTI, IL GESTO COMMOVENTE DEI CARABINIERI

Oggi vogliamo parlarvi in particolare del grifone –  Gyps fulvus – è tra i più grandi uccelli presenti in Italia e si tratta di un avvoltoio che può raggiungere un’apertura alare di 280 cm e un peso variabile dai 6,5 ai 12 kg.

Il grifone è un animale sospeso fra leggenda e realtà, molto utilizzato in araldica: il suo aspetto, così fiero e regale, è ricco di simboli.  Il grifone, in mitologia, unisce due animali: il leone e l’aquila e ne racchiude la bellezza, la forza, la fierezza, l’eleganza, il potere sui cieli e sulla terra.

Purtroppo, nonostante tutti gli sforzi messi in campo e sebbene oggi la popolazione del grifone sia in lento aumento, nessuna delle più abbondanti sotto-popolazioni ha raggiunto il numero minimo previsto di coppie per garantire la persistenza a lungo termine (circa 70 coppie riproduttive a popolazione). L’avvoltoio grifone risulta quindi essere, in Italia, soggetto ad alto rischio di estinzione.Le minacce per la specie sono costituite da l’uso illegale di bocconi avvelenati, dal calo del tasso di mortalità del bestiame con conseguente minore disponibilità di risorse trofiche, dai disturbi antropici diretti e indiretti, elettrocuzione e collisione con impianti di produzione di energia elettrica, intossicazione da sostanze chimiche e da piombo usato nella caccia, malattie, perdita, frammentazione e alterazione degli habitat.