La Corrente del Golfo indebolita dal cambiamento climatico

Il sistema della Corrente del Golfo si è indebolita al suo ritmo più lento in più di mille anni, secondo gli scienziati. Poiché il riscaldamento […]
- - Ultimo aggiornamento
La Corrente del Golfo indebolita dal cambiamento climatico

Il sistema della Corrente del Golfo si è indebolita al suo ritmo più lento in più di mille anni, secondo gli scienziati. Poiché il riscaldamento globale rallenta la potente corrente oceanica che controlla gran parte dell’Oceano Atlantico.

Due studi pubblicati questa settimana rivelano che il cambiamento climatico sta rallentando la corrente oceanica, che trasporta acqua calda in Europa, in modo più drammatico di quanto previsto in precedenza.

Utilizzando i dati sui sedimenti e le registrazioni della temperatura per mappare le tendenze storiche, uno studio su Nature Geoscience ha scoperto che il sistema della Corrente del Golfo, noto anche come Atlantic Meridional Overturning Circulation (Amoc), sta viaggiando al suo ritmo più lento nell’ultimo millennio.

“È molto probabile che questo sia causato dalle nostre emissioni di gas serra, perché non c’è altra spiegazione plausibile per questo rallentamento. È esattamente ciò che i modelli climatici prevedono da decenni”

ha detto Stefan Rahmstorf, uno degli autori e capo dell’analisi del sistema terra presso l’Istituto di Potsdam per la ricerca sull’impatto climatico.

L’importanza della corrente del Golfo

La Corrente del Golfo è un’enorme corrente oceanica che trasporta acqua calda dai tropici lungo la costa orientale del Nord America. La corrente, che trasporta più di 100 volte il flusso del Rio delle Amazzoni, si raffredda e affonda intorno alla Groenlandia, trasportando l’acqua più fresca a sud negli strati profondi dell’oceano.

È già rallentato del 15% nel secolo scorso e Rahmstorf ha affermato che questo stava iniziando a influenzare i modelli meteorologici, come le ondate di calore più frequenti nell’Europa meridionale.

L’Amoc non solo trasporta acqua calda in Europa – è responsabile degli inverni miti nel Regno Unito – ma influenza anche lo sviluppo delle tempeste. I risultati del nuovo studio sono “preoccupanti”, ha detto Rahmstorf. “Se continua così, potremmo avvicinarci lentamente a un punto di svolta, in cui questa circolazione potrebbe destabilizzarsi del tutto”.

Uno dei motivi per cui il sistema Amoc sta rallentando è dovuto allo scioglimento dei ghiacci in Groenlandia. Dove grandi volumi di acqua dolce fredda entrano nell’oceano e alterano il meccanismo naturale di affondamento della corrente.

Anche l’aumento delle precipitazioni in Nord America, che fa entrare più acqua dolce nei fiumi, torrenti e nell’oceano e temperature oceaniche più calde che riducono il gradiente di temperatura tra i tropici e il polo, stanno contribuendo al rallentamento.

Andrew Meijers, oceanografo presso il British Antarctic Survey, che non è stato coinvolto nella ricerca, ha detto che lo studio “rivela che prima dell’era del cambiamento climatico indotto dall’uomo, la circolazione ribaltata dell’Atlantico era relativamente stabile e più forte di quanto non sia ora”.

“Ciò indica che il rallentamento probabilmente non è un cambiamento naturale, ma il risultato dell’influenza umana”, ha aggiunto.

Un futuro difficile da valutare e prevedere

Altri scienziati hanno sottolineato che c’era ancora un alto grado di incertezza su come la Corrente del Golfo influenza il clima europeo.

“Ci sono molti altri fattori che determinano le variazioni del clima europeo, incluso il caos atmosferico. Questo è uno studio interessante e che necessita di indagini continue. Tuttavia, non dovrebbe essere sovrainterpretato. “

ha detto Tim Palmer, professore di fisica del clima a Oxford, che non è stato coinvolto nello studio.

Uno studio separato pubblicato in Proceedings of the National Academy of Sciences ha scoperto che se il ritmo del riscaldamento globale accelera, ciò potrebbe causare la chiusura totale della Corrente del Golfo.

Johannes Lohmann, autore principale dello studio, ha affermato che “non è così probabile” che la corrente raggiunga questo punto entro i prossimi 100 anni, a meno che il riscaldamento globale non acceleri.

“C’è ancora un bel dibattito sull’imminenza di un punto di svolta dell’Amoc. Ci sono prove evidenti dai cambiamenti climatici in passato, che l’Amoc è passato da uno stato che è simile ai giorni nostri. . . a uno in cui l’Amoc era spento. C’è un feedback che si auto-rinforza che potrebbe portare alla chiusura dell’Amoc, con un effetto di fuga”

ha detto Lohmann.

LEGGI ANCHE – Climate change, salute e istruzione nell’agenda 2021 dei manager italiani