Festa nazionale del Gatto: è diventato lui il migliore amico dell’uomo

Complice la pandemia, il gatto ha soppiantato il cane ed è l'animale domestico più amato: ecco chi è, statisticamente parlando, il "gattaro" online ideale
- - Ultimo aggiornamento
Festa nazionale del Gatto: è diventato lui il migliore amico dell’uomo

Il migliore amico dell’uomo, per definizione, è il cane: eppure, in questo difficilissimo anno di pandemia, la bilancia dell’amore sconfinato dei padroni per i loro animali domestici è sembrata pendere più verso i gatti. Non sono illazioni: secondo una ricerca di  Idealo, portale internazionale di comparazione prezzi, nell’anno della pandemia l’interesse verso la merce per i mici è quasi raddoppiato, con un trend di crescita maggiore rispetto a quello dei prodotti per i cani. 

Gli utenti del web hanno cercato cibo in scatola di qualità, ma anche trasportini, tiragraffi, giochi e quant’altro serva a far stare bene, felici e in salute i loro amici felini.

LA BELLISSIMA STORIA DEI GATTI DI ANZIO CHE ASPETTANO LA POSTA: SCOPRI IL PERCHE’

Quale sarà il motivo di questa improvvisa salita del gatto nella scala gerarchica degli animali domestici più amati? Va detto intanto che i gatti sono sempre stati amatissimi e che dietro alla convinzione che siano animali meno affettuosi o meno domestici ci sono vecchi luoghi comuni, alimentati tipicamente da chi gatti non ne ha.

Il gatto è in realtà l’animale domestico ideale: si adatta facilmente alla vita in appartamento, fa i suoi bisogni in maniera autonoma, la sua presenza è meno “invadente” rispetto a quella, esuberante e a volte caotica, di un cane (questo pastore tedesco però ha salvato il suo padrone da un infarto… una storia da brivido)

Questione di gusti, senza dubbio: intanto, per chi ha curiosità statistiche, sappiate che sono le donne ad amare più i gatti rispetto agli uomini (il 57% di chi ha fatto ricerhce online per loro). In generale, l’identikit della gattofila o del gattofilo online è una persona con meno di 44 anni di età e residente in Lombardia, Lazio o Toscana. Le regioni invece dove è stata la pandemia a far salire l’interesse verso i gatti sono state invece la Calabria, il Trentino-Alto Adige e la Sardegna.