A Roma si sperimenta “la strada del futuro”, con l’asfalto Ecopave a base di grafene

1 km di via Ardeatina è stato ripavimentato con l'asfalto brevettato dalla Iterchimica di Bergamo: resistente fino al 250% in più rispetto al tradizionale e due volte ecofriendly
- - Ultimo aggiornamento
A Roma si sperimenta “la strada del futuro”, con l’asfalto Ecopave a base di grafene

A Roma, su via Ardeatina, è in corso la sperimentazione di quella che possiamo definire a buon ragione “la strada del futuro”: si tratta dell’asfalto con Ecopave, un supermodificante a base di grafene, sviluppato dall’azienda bergamasca Iterchimica, molto più resistente all’usura e riciclabile.

Un asfalto due volte eco-friendly, il cui additivo al grafene -che proviene dalla lavorazione della grafite e che conferisce grande elasticità ai materiali che lo contengono- lo rende il 250% più resistente a fatica rispetto a quello tradizionale.

Eco-friendly quindi sia per la durata che assicura al manto stradale, che diventa più resistente all’usura e al logorio dovuto al continuo passaggio di auto e mezzi pesanti, sia perchè nella lavorazione utilizza al 30% il fresato, l’asfalto già lavorato e utilizzato.

Per ora la sperimentazione, voluta dalla Città Metropolitana di Roma Capitale e che arriva dopo 3 anni di prove in laboratorio e su strada, interesserà 1 km di via Ardeatina: l’auspicio è che, superata la fase di test, questo asfalto “super modificato” possa essere usato anche in altre zone e via via possa diventare uno standard per la pavimentazione stradale.

Ci guadagnerebbero le casse comunali, gli automobilisti e i centauri che oggi si trovano a passare su manti stradali costellati di buche e sicuramente l’ambiente!

scienza