Aree verdi, la Regione Lazio eroga 850mila euro a sostegno del verde pubblico urbano

Il bando, promosso dalla Regione Lazio, prevede l’assegnazione di 850mila euro per sostenere quei cittadini e quelle associazioni che intendono dedicarsi alla manutenzione delle aree verdi del territorio laziale. Il 50% delle risorse è riservato a Roma Capitale.
- - Ultimo aggiornamento
Aree verdi, la Regione Lazio eroga 850mila euro a sostegno del verde pubblico urbano

Aree verdi: sempre al centro delle priorità della Regione Lazio il tema ambientale, questa volta con un bando da 850mila euro, volto a salvaguardare il verde urbano regionale. Saranno infatti beneficiari del contributo tutti i comitati di quartiere riconosciuti dal comune e le associazioni no profit costituite da cittadini che intendono preservare le aree verdi del territorio laziale.

Per essere valido ogni progetto deve contenere la planimetria della zona verde interessata, gli interventi e le attività di manutenzione da realizzare, compreso il piano economico-finanziario. Importante requisito anche un programma cronologico dettagliato, che verrà verificato mese per mese.

Leggi anche “Lazio Green: Contributi a fondo perduto per energia e sostenibilità. Cosa finanzia, come partecipare.”

Aree verdi: il bando, tempi e modalità di partecipazione

Il primo passo è sicuramente quello di redigere il progetto: ogni comitato dovrà recarsi al Comune di riferimento e sottoscrivere una bozza di convenzione col Comune stesso (per vedere lo schema-tipo allegato alla Delibera regionale clicca qui).

Successivamente sarà il Comune, sulla base della bozza di convenzione, o l’Ente di gestione dell’area protetta, a presentare la domanda alla Regione Lazio, Direzione regionale competente in materia di Enti locali, tramite posta elettronica certificata al seguente indirizzo: risorseumane@regione.lazio.legalmail.it.

Come verrà distribuito il contributo? Il finanziamento ammonta fino a 20mila euro per ciascun intervento. Il contributo concesso per ciascuna domanda non può superare il 90% del valore economico del progetto recante. Non si può comunque superare l’importo di 15mila euro per la copertura delle spese di parte corrente e 5mila euro per la copertura delle spese in conto capitale. Sono ammissibili a contributo anche le spese relative alla copertura della polizza assicurativa per infortuni e responsabilità civile verso terzi per danni a persone e cose. Il 50% delle risorse è riservato a Roma Capitale.

Dopo quanto si riceverà risposta? La Direzione regionale competente Enti locali accoglie o rigetta la domanda entro 60 giorni dalla presentazione. Se il progetto risulterà meritevole la Regione erogherà il contributo agli Enti richiedenti – nella misura del 90% all’atto del provvedimento di concessione e il 10% dopo la rendicontazione finale – che lo riverseranno ai soggetti beneficiari entro 60 giorni dall’erogazione del contributo da parte della Regione.

Per tutte le informazioni visitate il sito della Regione Lazio

Aree naturali protette del Lazio: un patrimonio da preservare

Sono 83 le Aree Naturali Protette (AA.NN.PP.) per un totale di superficie protetta pari a 230.664 ettari, che corrispondono a circa il 13,5% del territorio regionale. Le aree verdi protette sono suddivise in: 3 parchi nazionali; 16 parchi regionali; 4 riserve naturali statali; 31 riserve naturali regionali; 29 monumenti naturali. Non solo. A queste si aggiungono, infatti, anche 2.970 ettari di aree di protezione esterna alle aree protette (contigue) e due aree marine protette per 4.860 ettari.

Sono cifre importanti che devono far riflettere sulle ricchezze naturali che il Lazio possiede, ma soprattutto sull’importanza della loro salvaguardia. Al centro del tema ambientale sono fondamentali, dunque, politiche volte a preservare il nostro paesaggio. Per questo le aree protette sono importanti, perché esse difendono la biodiversità e promuovono lo sviluppo sostenibile dei territori, attraverso lo studio e la conservazione di specie ed ecosistemi. È necessario avviare una vera e propria educazione ambientale, anche attraverso iniziative di turismo naturalistico e didattico.

La gestione delle Aree naturali protette regionali è affidata a Enti regionali, Province e Città Metropolitana di Roma Capitale, Consorzi tra Comuni e singoli Comuni. Attualmente gli Enti regionali istituiti per la gestione delle aree protette sono 13 (per consultare l’elenco completo clicca qui).

terre ai giovani