L’auto può essere hackerata: ecco come fanno

Non solo pc e smartphone: anche l'auto può essere hackerata. Ecco come fanno i malintenzionati
- - Ultimo aggiornamento
loading

Non solo pc e smartphone: anche l’auto può essere hackerata. In questi tempi moderni non si può davvero stare mai tranquilli. C’è sempre qualche malintenzionato da cui dobbiamo difenderci. A spiegare come funziona questa ennesima trovata dei burloni smanettoni è Marco Camisani Calzolari, esperto di hi-tech di Striscia la notizia.

LEGGI AHCHE : LA LISTA DELLE APP CHE TI PAGANO PER USARLE

Ecco come l’auto può essere hackerata

Il noto volto del tg satirico di Canale 5 invita telespettatori e follower a far attenzione a chi può comandare dall’esterno anche le quattro ruote. Le macchine ormai sono sempre più connesse, con funzionalità evolute come app con cui controllare dall’esterno praticamente tutto: la temperatura, l’aria condizionata, il riscaldamento, lo sblocco delle portiere, lo stereo.

“Un hacker è riuscito a controllare a distanza, in contemporanea, addirittura 20 automobili in 10 paesi diversi, riuscendo a controllare i fari e lo stereo, riuscendo a vedere se il guidatore era alla guida oppure no”. 

Come riporta il sito Liberoquotidiano.it ecco come l’auto può essere hackerata. Un hacker può leggere l’indirizzo di casa dal navigatore, accendere o spegnere l’auto a distanza. Ma non solo, anche cambiare la lettura della pressione dei pneumatici, disabilitare i freni, far accelerare forzatamente l’auto. Egli riesce a fare pure cose meno pericolose ma non per questo meno fastidiose: cambiare una canzone che stavamo ascoltando, attivare i tergicristalli, accendere l’aria condizionata o il riscaldamento.

LEGGI ANCHE : LA CIFRA DA NON PRELEVARE AL BANCOMAT

Come possiamo difenderci

Ma c’è una soluzione a tutto ciò? Marco Camisani Calzolari prosegue: “Come difenderci? Purtroppo sono le case automobilistiche a doverlo fare. Nel frattempo, disabilitare il wi-fi quando non serve, se previsto dal modello. Oppure non programmare l’indirizzo di casa nel navigatore, non navigare su indirizzi sconosciuti sul browser fornito dall’auto e andare da officine affidabili, perché a volte sono loro a passare agli hacker i dati del mezzo”.

E a proposito del fatto che l’auto può essere hackerata, non per mettere ulteriore ansia ma si stanno diffondendo anche i primi ransomware. Che cosa sono, vi starete chiedendo? Sono i virus che bloccano l’auto e non la fanno partire se prima non si paga un riscatto.

Foto: Shutterstock