Le app che ti pagano se le usi

Alcune sono specchietto per allodole, ma altre sono app che effettivamente ti pagano quando le usi. Ecco quali sono e come funzionano
- - Ultimo aggiornamento
loading

Di app è pieno il web. Ce ne sono davvero tante e per tutti i gusti. Però alcune app ti pagano se le usi. È bene specificare che diverse sono uno specchietto per allodole, ma altre consentono di ricavare qualcosa. Possono infatti tornare utili per occupare un po’ di tempo libero con determinate azioni da svolgere online o sul territorio venendo remunerati con buoni sconto, voucher, accrediti via PayPal o sul conto corrente.

LEGGI ANCHE >> LA CIFRA DA NON PRELEVARE MAI AL BANCOMAT

WeWard, macina chilometri e vieni remunerato

Come riporta Wired.it, l’ultima in ordine di tempo tra le app che ti pagano se le usi è WeWard. È una app gratuita per iPhone e Android già molto popolare in Belgio, Francia e Spagna che è ora disponibile anche in Italia. Questa remunera i chilometri percorsi e i traguardi completati con una valuta chiamata Ward. Essa si può convertire in euro da ricevere sul proprio conto, come sconto o carta regalo o come donazioni verso enti benefici.

LEGGI ANCHE >> CON WHATSAPP PUOI INVIARE MESSAGGI ANONIMI

Le app che ti pagano quando le usi

Uno dei servizi più famosi che pagano gli utenti per l’utilizzo è Swagbucks, un portale internazionale disponibile anche in Italia per ricevere ricompense completando azioni come ricerche tramite il motore interno o tramite la taskbar proprietaria, visitare determinate pagine oppure rispondere a sondaggi specifici.

La rassegna delle app che ti pagano se le usi continua con quelle che offrono ricompense in buoni sui portali di e-commerce o carte di credito usa e getta. Tra questi c’è Ipsos iSay. Per ottenere un buon risultato è importante tenere sempre aggiornato il proprio profilo e rispondere sempre in modo coerente alle varie domande.

Infine c’è BeMyEye, che consiste in azioni da compiere nel mondo reale. Registrandosi alla piattaforma si cerca una missione che possa fare al proprio caso, per esempio recarsi in un negozio nelle vicinanze e controllare i prezzi di un prodotto. Si viene remunerati con bonifici sul conto bancario o tramite PayPal.

Foto: Shutterstock